Impermanence

In this project I set out to give new life to old, decaying negatives, showing that the deterioration processes that make them useless can be also seen as an unconscious creative force, which brings unique new objects into existence.
The photographs in this series present various processes of decay that can afflict film and glass negatives, from vinegar syndrome, to silver mirroring, to flaking of the emulsion layer. While these processes damage the negative for its intended purpose – to store an image for reproduction – they also transform its material structure, creating new intriguing visual landscapes.
By considering the materiality of the negative and placing it in front of the camera, the usual photographic dynamic is overturned: the negative ceases to be a mere image support, and becomes itself the subject of the image.
These photographs are ultimately a representation of the unpredictable effects of time on matter, proof of the transient nature of photography.
_______
Attraverso questo progetto intendo dare nuova vita a vecchi negativi deteriorati, mostrando come i processi che li rendono inutili possano essere considerati una forza creativa involontaria, capace di dare forma a straordinari nuovi oggetti.
Le fotografie in questa serie presentano vari processi di decadimento che possono colpire negativi a pellicola o di vetro; dalla sindrome dell’aceto, allo specchio d’argento, allo sfaldamento dello strato d’emulsione. Questi processi il più delle volte danneggiano il negativo fino a renderlo inutilizzabile per il suo scopo usuale, tuttavia proprio il loro agire sulla struttura materica del negativo contribuisce a formare nuove intriganti strutture.
Nel considerare la materialità del negativo e nel porlo di fronte alla macchina fotografica, la normale dinamica di ripresa è sconvolta: il negativo cessa di essere un semplice supporto d’immagine e diventa esso stesso il soggetto dell’immagine.
Queste fotografie sono dunque una rappresentazione degli imprevedibili effetti del tempo sulla materia, e prova della natura effimera della fotografia.